Per fonti rinnovabili si intendono le energie che l’ambiente è in grado di produrre in tempi relativamente brevi.

Questo tipo di energia viene solitamente considerata “energia pulita” in quanto il suo utilizzo non pregiudica l’ambiente nel suo equilibrio. Rientrano in questa categoria l’energia solare, che utilizza come fonte rinnovabile la luce solare per produrre calore ed elettricità, l’energia eolica, che sfrutta lo spostamento dell’aria, l’energia marina e idroelettrica, che sfruttano invece il movimento delle masse d’acqua per la produzione d’altra energia. 

Fonti rinnovabili e non rinnovabili: quali sono le differenze?Per fonti non rinnovabili al contrario, si intendono quei tipi di energia il quale impiego è limitato, e dunque non disponibile in eterno. Rientrano in questa categoria i combustibili fossili, come carbone, gas naturale e petrolio che nascono in seguito a un lento e continuo processo di trasformazione della materia organica e che necessitano di condizioni particolari per la loro creazione.